SECONDI PIATTI

Ossibuchi con risotto allo zafferano

Che momento! Difficile, anzi difficilissimo. L’unica cosa che può salvarci è rimanere DISTANTI che, paradossalmente è l’unico modo per stare VICINI in questa dannata emergenza. Sono un po’ stanca, sto lavorando sotto pressione e per due (no, non è un modo di dire, sto davvero facendo i salti ribaltati per coprire anche il lavoro di una collega assente ahimè), poi devo aiutare nella gestione del lavoro scolastico i figli e poi le preoccupazioni che tutti abbiamo, adesso che siamo immersi in questa tempesta che ci ha cambiato lo stile di vita repentinamente…

Manteniamoci positivi e  seguiamo le regole che ci sono state date. Chi può RESTI A CASA!!! Io mio malgrado devo andare in ufficio, mettendo a repentaglio la salute mia e dei miei cari, ma oltre a recarmi a lavoro mi muovo solo per estrema necessità. Cerco inoltre di tener lontana la paura leggendo, facendo yoga prima di andare a dormire, ascoltando buona musica, sistemando casa e studiando un po’. 

Una mia caratteristica è quella di pensare ai risvolti positivi. L’inquinamento magari subirà una battuta di arresto, possiamo riscoprire quanto è importante avere un tetto sulla testa e possiamo sicuramente dedicarci alla cucina per coccolare il palato e tener su il morale! Ecco, magari con tempo a disposizione, anche dedicarci a qualche preparazione più elaborata, che ne dite?

Questa è la mia personale ricetta degli ossibuchi con il risotto alla milanese (così mi sento di dare un abbraccio virtuale a quei luoghi che al momento sono più tristemente colpiti da questa epidemia!)

per il risotto allo zafferano la ricetta la trovate QUI

Ossibuchi 

4 ossibuchi di vitell0  (400 g circa)

brodo vegetale 800 g circa

1/2 bicchiere di vino rosso

farina tipo 1 (oppure maizena per la versione senza glutine)

1 cipolla rossa

1 carota

1 costa di sedano

1 cucchiaio di burro

sale grosso q.b.

pepe nero macinato 

prezzemolo fresco

Procedimento

Lavate gli ossibuchi e fate qualche taglio qua e là alle estremità, cioè nella guaina di grasso, per evitare che in cottura si arriccino. Infarinarli.

Tritate la cipolla, la carota e il sedano grossolanamente e fate appassire in un tegame(o padella capiente) a fuoco basso con poco olio e il burro. Aggiungete pochissimo brodo  e del sale grosso.

Mettete gli ossibuchi nel tegame, rosolateli da entrambe le parti, poi sfumate con il vino. Quando sarà completamente evaporato, aggiungete il brodo caldo.

Coprite con un coperchio, abbassate la fiamma al minimo e lasciate  cuocere piano per due ore circa. Gli ossibuchi devono sobbollire delicatamente per non rovinarsi, girateli delicatamente di tanto in tanto.

Una volta cotti aggiungete, un giro di olio buono,  del prezzemolo fresco tritato grossolanamente e una spolverata di pepe nero macinato. Servite con un buon risotto allo zafferano!

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.