DOLCI

I “buongiornini” frollini con cacao e nocciole

Quando avevo i figli piccoli  mi piaceva svegliarli in modo coccoloso, un bacetto leggero sul nasino caldo e “Buongiornino!”… ero una mamma molto più mielosa di adesso. Ora son passata a toni  decisamente meno dolci, dopo le prime due volte che li chiamo passo ad “Alzatiii è tardi, è tardi, datti una mossa!” con i miei occhi che hanno dentro le lancette che si  rincorrono veloci. Con i bambini piccoli si sa che tutto è più ovattato, quando si cresce il mondo dei grandi è  decisamente più rustico.

Però la colazione è fondamentale e sacra, per cui adesso le mie “coccole” sono pressoché totalmente culinarie: torte e biscotti fatti da me cercando di offrire cose sane, golose e sempre diverse per non annoiare i risvegli ed il palato… così nascono questi biscotti che ho chiamato ironicamente “buongiornini” in ricordo delle mattine in cui ero calata nel mood dolce mammina (e che, ammetto, mi manca pure un po’!) 😀

Eccovi la ricetta, sono pronta a scommettere che piaceranno davvero a tutti! 😉 e poi sono pure biscotti molto carini, preparatene tanti, andranno a ruba anche a merenda fra i compiti o da sgranocchiare in ufficio!

I “Buongiornini” frollini con cacao e nocciole

(per una trentina di biscotti )

280 g di farina tipo 1

200 g di zucchero di canna fine

100 g di burro danese fuso

50 g di olio di mais (o girasole se preferite)

1 cucchiaio di maizena

1 uovo grande 

1 cucchiaio colmo di cacao amaro

1 cucchiaio di latte

2 cucchiai di granella di nocciole

1/2 bacca di vaniglia (semini)

1 cucchiaino scarso di bicarbonato di sodio

un pizzico di sale

Fondete il burro a bagnomaria, quindi in una ciotola unitelo con lo zucchero di canna, mescolate e poi  unite l’uovo intero, la vaniglia e amalgamate molto bene.

A parte versate la farina, il bicarbonato, l’amido di mais ed il sale. Versate gli ingredienti umidi negli ingredienti secchi e mescolate fino a quando è ben amalgamato, senza lavorare troppo l’impasto.

A questo punto prendete un po’ meno di metà impasto (l’impasto bianco dovrà risultare un po’ di più) e aggiungete quindi il cacao, le nocciole e il cucchiaio di latte amalgamate bene compattando l’ impasto.

Stendete su un foglio di carta da forno, con il matterello infarinato, l’impasto bianco in un rettangolo; con l’impasto al cacao formate un cilindro che andrete a posizionare all’interno dell’impasto bianco e poi lo avvolgerete. Avvolgetelo con la carta da forno e fatelo riposare in frigorifero per almeno 3 ore.

Togliete l’impasto dal frigo. Accendete il forno a 170° in modalità ventilalo.  Nel frattempo tagliate i biscotti dello spessore di 5/6 mm,  disponeteli ben distanziati, su teglie ricoperte con carta forno, fate attenzione in cottura tendono ad allargarsi!

Fate cuocere i biscotti non oltre 12 minuti! Una volta sfornati saranno molto morbidi, fateli raffreddare completamente e raggiungeranno la consistenza desiderata.

Si conservano perfetti in un barattolo di vetro o una scatola di latta anche per un mese (se ci arrivano 😉).

ANTIPASTI/ SECONDI PIATTI

Chips di ceci e mais

chips-di-ceci-ricetta

Ultimamente , appena mi è possibile, trascorro il mio tempo in  mezzo ai mestoli della mia adorata cucina, in mezzo ai libri, davanti ad un buon film o camminando in solitaria con la musica nelle orecchie.  Necessito di pace, viviamo costantemente in mezzo agli altri e sempre connessi, ogni tanto connettersi con sé stessi non guasta. In realtà tendo solo ad “ascoltarmi” di più ed a cercare di colmarmi di cose belle …e poi non si finisce mai davvero di imparare!

Devo dire però che, essendo particolarmente attiva su più fronti, ed avendo a casa due lupi famelici sempre alla ricerca di qualcosa da mettere sotto i denti, devo anche optare per ricettine easy e soddisfacenti per placare la fame.

Questa ricetta di chips di ceci l’ ho presa credo da  Simona, le avevo copiate su un foglio un giorno mentre rientravo in treno da un evento… mi avevano stuzzicato e non ho tardato a proporle! Sono davvero ottime ed incontreranno i gusti di grandi e piccini, posso sottoscriverlo! 😉

ricetta-chips-di-ceci

Chips di ceci e mais

Ingredienti

  • 600 gr di acqua
  • 100 gr di farina di ceci
  • 50 gr di farina di mais
  • 1/2 cucchiaino di paprika dolce
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 cucchiaino di sale grosso
  • olio extravergine

Procedimento

Miscelate bene le due farine, aggiungete la paprika e mescolate.

Riempite una pentola d’acqua, aggiungete il sale e portate ad ebollizione, aggiungete il rosmarino finemente tritato. Appena l’acqua bolle aggiungete le farine in un sol colpo e amalgamate con una frusta a mano mescolando vigorosamente per evitare che si formino grumi, si solidificherà in poco tempo (nel caso si formasserò eliminateli con una passata veloce di frullatore ad immersione 😉 ).

Trasferite immediatamente il composto in una teglia, precedentemente rivestita con carta da forno e ben unta d’olio ,  distribuite l’impasto nella teglia in maniera uniforme ed in forma rettangolare (spessore di  circa 5/6 mm). Lasciate raffreddare, in breve tempo  il composto sarà diventato ben solido.

Con l’ausilio di un coltello affilato e unto d’olio per ricavare delle striscioline tipo le patatine fritte. Fate attenzione a non farle troppo spesse altrimenti non vi verranno croccanti.

Cuocete in forno in caldo a 210° per 15 minuti poi abbassate a 190° per altri 10 minuti in modalità ventilato.

Sfornate e lasciate intiepidire.

 

PRIMI PIATTI

Ravioli con grano saraceno ripieni di “coppa” (o soprassata)

ravioli-con-grano-saraceno

Questo ottobre ci sta regalando ancora giornate che scaldano, soleggiate e piene di colori vivi che contrastano con il clima autunnale… l’autunno è una stagione che ho imparato ad apprezzare da grande, che ho iniziato a vivere come la “confortante”, fatta di sfumature gialle e arancio, di castagne, di zuppe calde e torte di mele… una sorta di abbraccio prima del gelido inverno.

Questo autunno me lo ricorderò come uno dei più “silenziosi”, sento il bisogno di vivermi sempre più privatamente ogni aspetto della mia vita, di raccontarmi solo a chi sa leggere ogni mia sfumatura, di “regalarmi” solo a chi mi vuol bene e mi stima davvero, senza altri fini. Sono consapevolezze che si maturano con l’età ed attraverso le esperienze…il  nostro meglio va condiviso solo con chi sa apprezzarlo davvero! Tranne i sorrisi, quelli per mia fortuna ancora riesco a dispensarli a profusione seppur con luce diversa a seconda di chi incontro  😉

Questa ricetta l’ho elaborata pensando ai gusti degli uomini del mio cuor…i miei critici culinari più amati, devo dire che sono stati notevolmente apprezzati! La farina di grano saraceno ha ottime proprietà nutritive ed un gusto rustico, io la amo molto, il ripieno con una ricotta delicata e la sapidità di un’ottima “coppa” (come si chiama a Pistoia) casereccia – alias soprassata -, ne fanno un piatto gustoso e molto equilibrato!

Ravioli con grano saraceno ripieni di “coppa” (o soprassata)

Ingredienti

(per circa 70 ravioli – 6/8 pp.)

farina di grano saraceno g 200

semola di grano duro g 200

1/2 cucchiaino di noce moscata

1 albume

acqua tiepida g 160

 per il ripieno

ricotta di mucca g 250

coppa o soprassata casereccia g 250

1 tuorlo

1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

 

+ salsa di pomodoro leggera o olio extravergine per condire

 

Disponete la farina a fontana su una spianatoia di legno, disponete al centro l’albume e la noce moscata.
Aggiungete pian piano l’acqua tiepida e con la forchetta iniziate a mescolare, quindi procedete impastando a mano.

Impastate e lavorate con le mani fino ad ottenere un impasto liscio e morbido (eventualmente aggiungete poca acqua tiepida).
Formate una palla, ricopritela con la pellicola e lasciatela riposare a temperatura ambiente almeno un quarto d’ora.

Nel frattempo iniziate preparando il ripieno; sgocciolate bene la ricotta e mettetela in una ciotola. Procedete trinciando la soprassata con la mezzaluna in modo piuttosto fine. Aggiungetela alla ricotta assieme al tuorlo ed al parmigiano, quindi amalgamate molto bene.

Ritornate alla vostra pasta fresca, con l’ausilio dell’apposita macchina per la pasta, tirate la sfoglia piuttosto sottile, passando una striscia alla volta.

Con l’aiuto di un coppapasta ritagliate dei cerchi e metteteli da parte.

Procedete dunque con la creazione dei ravioli.
Mettete all’ interno del cerchio il ripieno al centro (attenzione a non esagerare altrimenti si chiuderanno male), bagnate il bordo con dell’acqua e coprite con un altro cerchio.
Schiacciate dolcemente  ma in modo deciso per fare aderire bene il cerchio superiore a quello inferiore.

Con l’aiuto dei rebbi di una forchetta sigillate bene i bordi.

Passate alla cottura. Cuoceteli in acqua bollente e salata per 5 minuti circa dalla ripresa del bollore, e comunque la cottura dipenderà molto dallo spessore della pasta, quindi assaggiate per essere sicuri che siano ben cotti e pronti.

Il ripieno sarà delicato ma sapido, io ho optato per il condimento con una salsa al pomodoro leggera, va benissimo anche un condimento con olio extravergine e rosmarino, eviterei invece il condimento burro e salvia che renderebbe il piatto troppo grasso.

DOLCI

Torta di mele veloce

Benarrivato ottobre! Ogni mese ha il suo fascino, ottobre nelle giornate soleggiate ha dei colori ambrati bellissimi che riconciliano con il mondo! Un po’ come le torte di mele da me amatissime… come si fa a non sentirsi confortati da una fetta di torta di mele fatta in casa? Una fatta che sa di genuinità ed affetto familiare, un pezzetto di serenità da gustare. Eppure da piccola non amavo molto le torte di mele, preferivo le torte più golose ed elaborate…solo in adolescenza ho iniziato ad apprezzarle fino ad innamorarmene perdutamente.

Questa torta (da cui ho preso ispirazione da Enrica, seppur adattata alle mie esigenze) mi ricorda molto una torta che faceva una mia vicina di casa e che puntualmente offriva alla mia famiglia, con questa torta partecipo al contest dell’amica Anna Rita  e di Serena che mi piace molto! #LaTortadelCuoreContest.

Si tratta di una torta di facile esecuzione e di sicuro successo che potrete preparare anche assieme ai vostri figli e nipoti… un dolce perfetto da accompagnare ad un buon tè sia a colazione che merenda!

Torta di mele veloce

Ingredienti

(per 8/10 pp.)

  • 2 mele golden
  • 170 farina  tipo 1
  • 70 g di zucchero di canna
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1 uovo + 1 albume
  • 50 ml olio di semi di mais
  • 50 ml di latte a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di rum
  • 1 cucchiano colmo di bicarbonato di sodio
  • 50 g burro fuso
  • 3 cucchiai di zucchero di canna scuro
  • 1 tuorlo
  • semi misti a piacere (zucca, lino, zenzero disidratato)

Preparazione

In una ciotola mescolate la farina setacciata con  lo zucchero, il bicarbonato e la cannella. Aggiungete le  uova ed iniziate a mescolare bene, unite quindi l’olio a filo ed il latte. Mescolate per ottenere un impasto cremoso.

 
Sbucciate e tagliate le mele a fette. Imburrate ed infarinate uno stampo e  versatevi l’impasto. Mettete sopra le mele. Infornate in forno ventilato preriscaldato a 180° nella parte bassa del forno per circa 25 minuti circa.
Mentre la torta cuoce, preparate il topping. In una terrina mescolate con una frusta il burro fuso assieme allo zucchero ed il tuorlo fino ad avere una crema liscia. Sfornate la torta è versate sopra la cremina. Decorate con semini misti (quelli che preferite oppure con granella di nocciole e mandorle) e rimettete subito in forno e proseguite la cottura sempre a 180° per circa altri 10 minuti fino a quando è ben colorata. Sfornate, fate raffreddare prima di servire.

 

 

Senza categoria

Ristorante Blend a Sesto Fiorentino e la Festa delle Attività in Proprio

ristorante-blend-sesto-fiorentino

Eccomi nuovamente a parlarvi della Festa delle attività in proprio, promossa da METRO Italia  nella giornata di martedì 9 ottobre 2018,  i gestori di attività come bar, pizzerie, ristoranti e locali tipici proporranno menù, serate a tema e offerte speciali a tutti i loro clienti! Siete curiosi di scoprire tutte le proposte?  Date un’occhiata qui nel sito dedicato per scoprire le varie proposte ed offerte 😉
Say Good, il network di cui faccio parte è partner di questo progetto,  così io e altri blogger del network abbiamo avuto il piacere di essere scelti da METRO Italia per dare visibilità a questa bella iniziativa  e per scoprire e testare in anteprima i locali aderenti in 10 diverse città Italiane…lo so, è un duro lavoro! Ma qualcuno dovrà pur farlo, no??? ;-D
Dunque dobbiamo raccontare la nostra esperienza presso i locali che anche voi potrete scegliere come meta il 9 ottobre.
 La zona a me assegnata è quella della mia bella Firenze, quindi sono pronta e carica di entusiasmo per condividere con voi questa esperienza! Potee seguire questa iniziativa in tutta Italia sui social attraverso gli hashtag dedicati #9ottobrenightout e #loveownbusiness, e se volete sbirciare trovate una sezione appositamente dedicata su Say Good.

Questa volta sono stata piacevolmente ospite di una bellissima realtà a Sesto Fiorentino, il ristorante pizzeria Blend! La location di questo ristorante è già superlativa, si trova infatti in una villa d’epoca con bellissimi spazi all’aperto che ben si presta, vista l’eleganza, ad ospitare eventi privati come cerimonie, pranzi e cene aziendali, meeting e ricevimenti.

Anche la sera una location simile è ricca di fascino!

Gli arredi sono semplici ma scelti con cura e buon gusto, ho apprezzato molto i tavolini di epoca ben restaurati, l’apparecchiatura curata in ogni dettaglio seppur minimal, (mi è piaciuta la loro scelta di non mettere alcuna tovaglia!) tutto, dalle posate fatte a Scarperia ai sacchetti cuciti a mano in pelle fiorentina per il pane, mette in risalto le tradizioni locali e l’artigianato pregiato toscano! La vera protagonista tuttavia rimane in assoluto la cucina fatta con ingredienti scelti per la loro ottima qualità ed a km 0.

Un plauso particolare meritano i tre giovani chef: Dario Palchetti, Edoardo Taiti e Filippo Bertoli. Parlare con loro è stato davvero un piacere, mi hanno raccontato la loro filosofia, i loro piatti ed i loro intenti culinari…sentirli così pieni di passione per il loro lavoro mi aveva già convinta prima di assaggiare le loro proposte, una volta che ho potuto deliziarmi assaggiando i loro piatti non ho avuto più alcun dubbio! Faranno strada…piatti davvero ottimi!

Dalla scelta dei salumi e formaggi top (De’Magi), alla scelta delle carni per la griglieria, alle ottime pizze gourmet, i meravigliosi piatti di pesce, gli abbinamenti di vini, le ottime proposte di dessert, i caffè di qualità (hanno perfino la carta dei caffè)… insomma TUTTO mi ha convinta. Una cucina di qualità e creativa, ricca di personalità vi condurrà in un viaggio culinario che apprezzerete molto! 

Ecco qualcuna delle proposte che ho potuto gustare: capasanta con gazpacho; gnudi di gamberi con crema di peperoni arrosto, salsa di mozzarella e aria al limone (li ho adorati!); ravioli con pasta fatta a mano, ricotta e mozzarella di bufala;  ricciola scottata con bagna cauda e scorzanera e semifreddo al limone con meringa. 

Non mi dilungo oltre, è un ristorante pizzeria che va assolutamente provato!!! (unico neo? La poca luce per chi, come la sottoscritta, fotografa un piatto prima di gustarlo! 😀 Le foto non rendono giustizia alle proposte! Tuttavia gli stupendi impiattamenti ed il gusto prenderanno il sopravvento e vi faranno dimenticare questo dettaglio!!!). Eccovi i contatti:

Blend 

Via Gramsci 460, Sesto Fiorentino (FI)

Tel. 055 44 90 863

info@blend-ristorante.it

 

Aperti a Pranzo dalle 12 alle 14.30

A cena dalle 19.30 alle 24

Chiusi il Martedì a Pranzo e Cena e Sabato a Pranzo

ANTIPASTI/ SECONDI PIATTI

Tarte Tatin con cipolle di Tropea

ricetta-tarte-tatin-con-cipolle

A volte succede. Da un palese errore, nasce una cosa bella, una buona idea…trattasi del cosiddetto “sbaglio perfetto”. Errare humanum est, ma in questo caso quell’errore ha fatto bene al palato di molti! Si sa che non sempre il male viene per nuocere no???

La conoscete la tarte latin? Nata in una regione centrale della Francia per mano delle sorelle Tatin che le hanno dato il nome. E’ nata con le mele, le sorelle in questione dovevano portare una torta di mele, una di loro aveva scordato la pasta brisée al di sotto della torta, le mele  così si caramellarono nel burro e nello zucchero ma quando se ne rese conto cercò di rimediare all’errore e pose la pasta brisée  sopra al composto di mele per poi rigirare la torta, dando origine ad una delle torte più amate e conosciute della pasticceria francese!

Quest è la versione salata, fatta con delle ottime cipolle di Tropea che in questa preparazione perdono acidità e diventano dolci e digeribili! Ed è pure facilissima! Io ho usato uno stampo in ceramica apposito che mi è stato regalato, ma potete farla anche caramellando le cipolle in padella per poi trasferirle in uno stampo tondo ricoperto di carta da forno.

Tarte Tatin con cipolle di Tropea

per la pasta brisée leggera:

farina tipo 1 g 200

acqua tiepida ml 110

curcuma 1/2 cucchiaino

noce moscata 1/2 cucchiaino

sale 1/2 cucchiaino

 

per le cipolle caramellate:

400 g di cipolle di Tropea

 40 g di burro

2 cucchiai di latte

4 cucchiai di zucchero

4 cucchiai di aceto balsamico

un pizzico cannella in polvere 

sale q.b.

pepe q.b.

timo e origano

 

maggiorana per decorare

 

Preparate la brisée che servirà da base, mescolate bene tutti gli ingredienti, dovrà apparire un composto omogeneo e lavorabile, se necessario aggiungete poca farina. Fatela riposare mezz’ora.

Sbucciate le cipolle e tagliatele a  fette dello spessore di 5 mm.
Prendete l’apposita tortiera antiaderente e fate  sciogliere a fuoco basso il burro insieme allo zucchero.
Adagiatevi le cipolle tagliate assieme alla cannella e fatele cuocere in modo da farle caramellare per cinque minuti, girandole di tanto in tanto. Regolate di sale, pepe, timo ed origano, dunque sfumate con l’aceto ed il latte.

Continuate a cuocere finché il liquido non si sarà ben ristretto rendendo le cipolle morbide e saporite. Quindi togliete dal fuoco e fate raffreddare tortiera e composto.

Nel frattempo stendete con l’ausilio di un mattarello la pasta brisée su un piano infarinato in modo da ottenere un diametro leggermente più ampio della tortiera.
Adagiate la pasta brisée sul composto di cipolle.
Fate attenzione a come sono disposte le cipolle nella tortiera, il senso estetico va usato perché la loro disposizione originerà l’impatto visivo della tarte tatin una volta girata!
Ripiegate  il bordo della brisée lungo il bordo delle cipolle in modo che quando girerete queste non sfuggano qua e là.

Bucherellate la brisée con una forchetta in modo che il vapore di cottura possa fuoriuscire ed infornate a  forno già caldo e ventilato  a 180° per 20 minuti e proseguite poi a  160° per ulteriori 10/15  minuti.

Una volta cotta capovolgetela leggermente intiepidita ma ancora calda su un piatto da portata e decorala con della maggiorana fresca!

EVENTI

Don Fefè Porta Romana a Firenze e La Festa delle Attività in proprio!

Ci siamo!!! Anche quest’anno  in occasione della Festa delle attività in proprio, promossa da METRO Italia  nella giornata di martedì 9 ottobre,  i gestori di attività come bar, pizzerie, ristoranti e locali tipici proporranno menù, serate a tema e offerte speciali a tutti i loro clienti! Siete curiosi di scoprire tutte le proposte?  Date un’occhiata su www.festadelleattivitàinproprio.it 😉
Say Good, il network di cui faccio parte è partner di questo progetto,  così io e altri blogger del network abbiamo avuto il piacere di essere scelti da METRO Italia per dare visibilità a questa bella iniziativa  e per scoprire e testare in anteprima i locali aderenti in 10 diverse città Italiane…lo so, è un duro lavoro! Ma qualcuno dovrà pur farlo, no??? ;-D
Dunque dobbiamo raccontare la nostra esperienza presso i locali che anche voi potrete scegliere come meta il 9 ottobre.
 La zona a me assegnata è quella della mia bella Firenze, quindi sono pronta e carica di entusiasmo per condividere con voi questa esperienza! Potee seguire questa iniziativa in tutta Italia sui social attraverso gli hashtag dedicati #9ottobrenightout e #loveownbusiness, e se volete sbirciare trovate una sezione appositamente dedicata su Say Good.

Venerdì scorso ho vissuto la mia prima esperienza  presso la pizzeria gourmet Don Fefè zona Porta Romana in quel di Firenze, un locale che merita sicuramente. La location è davvero carina, ricavata in un fondo storico, ci sono pareti bellissime risalenti al 1200! Don Fefè nasce dal nome del titolare Raffaele, nativo di Torre del Greco e trapiantato in Toscana dove, in quel di Firenze, gestisce due pizzerie gourmet. La filosofia di questo locale è la qualità delle materie prime, la lunga lievitazione degli impasti e le diverse tipologie, ben 5 impasti diversi per le loro pizze: tradizionale, integrale, all’acqua (assenza di sale e doppia lievitazione), kamut e senza glutine!

Oltre alla vasta proposta di pizze gourmet, il giovane chef Fabio Fantozzi propone ottimi primi piatti a base di pasta fresca ed un’ottima scelta di dessert! Di questo locale ho molto apprezzato la cortesia del personale di sala presente e sorridente e l’idea, veramente bella,  di mettere i pizzaioli in vetrina del locale, così facendo si può ammirare tutta la loro arte nello sfornare pizze di qualità 😉

In occasione della Festa delle Attività in Proprio questa pizzeria proporrà una selezione di pizze gourmet con abbinamento di calici di vino, posso scommettere che ne rimarrete soddisfatti!

Don Fefè Porta Romana

Via Senese, 17/E – Firenze

 

Seguitemi nella prossima avventura 😉

DOLCI

Le Girelle al cioccolato

Chi non conosce le famose girelle? Sono merendine golose che riportano subito all’infanzia! A me, in realtà, ricordano molto il “no!” perseverante di mia mamma che, puntualmente, si rifiutava di acquistarle per la mia merenda poiché era una fan del genuino e fatto in casa. Devo dire che un po’ questo modus operandi mi è stato trasmesso, difficilmente cedo nell’acquistare biscotti e merendine confezionate, preferisco prepararle da sola con ingredienti selezionati! Devo dire che sono pure molto più buone di quelle reperibili in commercio…anche i miei lupi famelici le apprezzano!

Anche in Toscana le scuole hanno riaperto i portoni! Nuovo anno scolastico e nuovo percorso da affrontare per i nostri ragazzi e… pure per noi genitori! Quanto è difficile seguirli -in tutto- con i ritmi frenetici che spesso, sottoscritta in primis, dobbiamo tenere! Cerchiamo almeno di partire con la giusta carica, partir bene è già una gran cosa, vi lancio una girella? 😉

Le Girelle al cioccolato

(per circa 12-14 girelle)

  • 140 gr di farina tipo 1
  • 4 uova grandi
  • 100 gr di zucchero di canna fine
  • 20 di cacao amaro in polvere
  • un cucchiaino di miele di acacia (facoltativo)
  • un cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • crema di nocciole spalmabile

per la base

  • 100 g di cioccolato fondente 70%
  • 1 cucchiaino di olio di mais
  • 1 tazzina di caffè d’orzo

Procedimento

 

Montate le uova ( a temperatura ambiente) con lo zucchero fino a quando non  risultino ben chiare e spumose.

Aggiungete il miele aggiungete e la farina setacciata bene con il biscarbonato. Incorporatela con movimenti dal basso verso l’alto, fino ad amalgamare perfettamente tutto.

Separate il composto ottenuto in parti uguali e divideteli in due ciotole. A questo punto in una ciotola aggiungete il cacao amaro setacciato con un cucchiaio di acqua ed amalgamate bene cercando di non  smontare il composto.

Ricoprite due teglie da forno con carta forno bagnata con acqua e ben strizzata. Aggiungete i composti (chiaro e scuro), livellate per bene e cuocete in forno ventilato caldo a 180° per 7 minuti (attenzione a non cuocere troppo, altrimenti avrete difficoltà ad arotolare!), quindi  sfornate ed  aggiungete un’altro foglio di carta forno bagnato e strizzato sulla superficie dei pan di spagna, capovolgeteli ed eliminate la carta forno calda dalla loro superficie. Arrotolate dunque delicatamente e avvolgetelicon un canovaccio umido. Fate raffreddare leggermente e apriteli delicatamente.

Preparate un bagna con il caffè d’orzo allungato con poca acqua, spennellate quindi la superficie. Aggiungete la crema alla nocciola spalmabile sia sul primo che secondo strato ed arrotolate di nuovo con delicatezza ma ben stretto il vostro rotolo, cercando di non romperlo. Avvolgetelo  in una pellicola per alimenti e fare riposare in frigo per un’oretta.

Trascorso il tempo necessario, tagliate il rotolo in tante fette di circa 2,5 cm di spessore così da ottenere le vostre  le girelle al cioccolato.

Sciogliete circa 100 gr di cioccolato fondente a bagnomaria, quando è ben sciolto aggiungete un cucchiaino di olio di semi amalgamando bene. A questo punto immergete un lato delle vostre girelle nel cioccolato. Adagiate le girelle al cioccolato su carta forno con la parte al cioccolato rivolta verso il basso, oppure adagiatele su una gratella di acciaio e  fate solidificare.

Buona colazione!

 

DOLCI

Ciambella gluten free mandorle, curcuma e limone

Questa ciambella gluten free con farina di riso, mandorle, curcuma e limone è perfetta per tutti, è pure senza burro dunque si può gustare senza troppi sensi di colpa! Lo so che è ormai terminato il temibile periodo della prova costume… tuttavia avere un occhio di riguardo nei confronti delle calorie è sempre una buona abitudine, no? Questa ciambella appagherà la vostra voglia di dolce in modo buono.

Siamo ormai prossimi alla riapertura delle scuole, settembre è un po’ il vero mese iniziale. Non so a voi,  nonostante l’età adulta a me manca ancora la scelta del diario, iniziare a scrivere nuove pagine, le dediche delle amiche, le date importanti da segnare nella nuova e profumata agenda! Il profumo delle nuove pagine da scrivere… Settembre è da sempre il mese dei nuovi programmi, dei nuovi percorsi e dei nuovi propositi…è un mese che mi ha sempre caricato, io amo lanciarmi in nuove sfide! Quest’anno me ne sono riproposta una bella tosta (di cui vi parlerò più avanti…) ma non lo sarà certo più di me!

A questo giro posso affermare di  essere davvero tanto orgogliosa di me. Spesso sono ipercritica e severa nei confronti di me stessa, spesso mi trovo mille difetti e mi guardo con lo sguardo torvo … però quando penso a tutto ciò che, seppur non eclatante, sono riuscita a fare DA SOLA, non posso che dirmi “BRAVA”. Me lo devo. E non c’è pacca sulla spalla più confortante di quella che sappiamo darci da soli 😉

Fatte queste personalissime considerazioni e terminato questo breve angolo di “autocelebrazione”, auguro un buon anno scolastico ai ragazzi ed ai genitori e vi regalo  questa ricetta per farvi compagnia appena svegli durante la colazione, che ne dite?

 

Ciambella gluten free mandorle, curcuma e limone

(per 10 pp.)

250 g di farina di riso

50g di fecola di patate

160 g di zucchero di canna

100 g di farina di mandorle

2 uova medie

130 ml latte parzialmente scremato

60 g di olio di mais

1 cucchiaino di curcuma

16 g di lievito bio

1 limone bio

per decorare:

zucchero a velo

2 cucchiai di marmellata di agrumi

mandorle a lamelle

Procedimento:

In una ciotola capiente setacciate la farina di riso, la fecola e unite la farina di mandorle, il lievito e mescolate bene.

Mettete il latte in un pentolino assieme alla curcuma e scaldate qualche minuto.

A parte sbattete bene le uova con lo zucchero quindi aggiugete l’ olio di mais.A questo punto aggiungete il latte con la curcuma  e la scorza del limone grattugiata.

Aggiungete, a questo punto, la componente liquida alle farine, amalgamando molto bene.

Versate il composto in uno stampo da ciambella imburrato ed infarinato.

Infornate a 180 ° per circa 30/35 minuti in modalità forno ventilato.

Sfornate la ciambella intiepidita, cospargetela di zucchero a velo e distribuite della marmellata sul lato superiore, infine guarnite con le mandorle a lamelle.

 

 

 

DOLCI

Torta co’ becchi di semolino

Che ne dite di iniziare con una fetta di questa deliziosa torta co’ becchi tipica lucchese? Preparatela e ve ne innamorerete al primo assaggio, è una torta di quelle golose che sanno di famiglia, di sapori genuini!

Apprezzo moltissimo quando mi viene “regalata” una ricetta di famiglia, in cucina la condivisione è senza dubbio un valore aggiunto e il tramandare è parte essenziale dell’arte culinaria. Inoltre ho sempre sostenuto quanto certe preparazioni raccontino bene chi siamo, credo che ci descrivano in qualche modo, tramite un piatto preferito o una ricetta capita che mi trovi a comprendere i tratti caratteriali di una persona…succede pure a voi oppure è solo una mia deformazione? …per esempio tendo sempre a diffidare da chi non ha amore per il cibo, solitamente trattasi di persone aride e poco generose. Non mi piace neppure chi non riesce a mangiare con le mani, chi ha sempre paura di sporcarsi, chi non è capace di dividere una pietanza con gli altri…a volte osservare come mangia e cosa mangia una persona mi aiuta a comprendere chi ho davanti e difficilmente mi sbaglio! ;-D

Dunque, tornando a questa deliziosa torta. Questa è il cavallo di battaglia di Giorgio, figlio primogenito della mia attuale dirigente Chiara Pierotti, il quale è stato così carino da volermi donare questa sua ricetta per farmi provare questo dolce semplice e goloso che tanto rallegra le loro papille e le loro colazioni! Ne sono stata onorata ed appena ho potuto non ho esitato a prepararla, devo dire che è stata recensita più che positivamente anche dai miei ragazzi e quindi è stato un po’ come condividere una deliziosa colazione fra famiglie 😉 Quindi grazie ad entrambi per avermi donato questa buona ricetta!

Torta co’ becchi di semolino

(dosi per una tortiera da 24 cm)

per la frolla:

300 g di farina tipo 1

150 g di zucchero di canna (*)

75 g di burro

2 uova

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio (*)

 

per la crema di semolino:

1 l di latte intero

180 g di zucchero di canna (*)

100 g di semolino

2 tuorli

1 limone (scorza)

1 bicchierino di rum bianco ( o sambuca)

 

(*) mie variazioni alla ricetta originale

 

Preparazione:

Iniziate preparando la frolla, impastate bene a mano tutti gli ingredienti e formate una palla  omogenea che poi farete riposare in frigo almeno una mezz’ora.

Preparate la crema. Scaldate il latte fino al bollore quindi aggiungete a pioggia il semolino,lo zucchero e qualche scorza di limone; mescolate bene con un mestolo di legno affinché non si formino grumi, cuocete a fuoco dolce per una decina di minuti. A questo punto togliete dal fuoco e immergete la pentola in acqua fredda per raffreddare la crema, aggiungete i tuorli precedentemente sbattuti ed il rum.

Riprendete la frolla dal frigo, spianatela con il mattarello dello spessore di 4 mm circa, ritagliate un cerchio di un paio di cm superiore al diametro della tortiera, mettete da parte lo scarto di pasta frolla che vi servirà per fare le strisce ed i becchi.

Mettete la base in una teglia imburrata ed infarinata. Riempite la base con la crema, bagnate il bordo della torta, apponete le strisce e decorate con i becchi lungo tutta la circonferenza premendo un po’ per farli aderire (come vedete in foto).

Cuocete in forno caldo a 170° ventilato per circa 30 minuti.

 

 

 

ANTIPASTI/ SECONDI PIATTI

Bruschette salate con uva fragola

Eccoci a settembre, arrivato di getto con dei bei temporali e tutta l’intenzione di far immergere nell’aria autunnale con le giornate ormai accorciate. Ed ecco che si riparte con impegni e nuove sfide che son lì che mi fissano all’angolo con sguardo minaccioso, ok, sono pronta. O almeno me lo auguro ;-D

Questa ricetta è super! Sarà che a me piace un sacco l’uva fragola…la conoscete? Quando ero bambina me la regalava ogni anno la mia vicina di casa, era dolcissima ed a me venivano subito gli occhi a cuoricino! Questa volta l’ho utilizzata facendo delle bruschette che si sono rivelate un ottimo connubio di sapori…farete un figurone anche se avrete ospiti a cena, garantisco! 

A tal proposito pochi giorni fa al supermercato ho assistito ad una conversazione dove una signora si  lodava del non volere gente a casa sua e di non invitare parenti o amici nemmeno il giorno di Natale, poiché le persone sporcano e lei è gelosa della sua casa ma NON PER CATTIVERIA, per carità. Ecco, il mio misero parere è che se non avete il dono della convivialità, non sapete condividere con il prossimo e state in pace con voi stessi, va pure bene, il mondo è bello perché  è vario.
Ma non siete delle belle persone, siete aride, nessuna lode a voi. La vita è solo un passaggio, è una camminata, chi non sa aggregarsi, condividere la propria “roba” e stringersi agli altri credo che abbia compreso poco il valore di questa avventura che gli è stata regalata.

Tornando alla ricetta è semplicissima, pochi step e gusto assicurato! 😉

 

Bruschette salate con uva fragola

pane ( baguette con miglio)

mozzarella di bufala

senape antica

uva fragola

rosmarino

olio extravergine di oliva

pepe nero 

 

Tagliate il pane a fette spesse circa un cm ed abbrustolitelo un minuto. 

In una piccola padella scaldate leggermente l’olio con il rosmarino.

Tagliate a fettine la mozzarella di bufala e fatela sgocciolare bene, quindi disponete su ogni fetta di pane una fettina di mozzarella. Distribuite sopra un cucchiaino di senape all’antica. Disponete le fette sulla leccarda del forno ricoperta di carta da forno e mettetele in forno caldo a 170° per 5 minuti.

Togliete quindi dal forno e condite le bruschette con l’olio al rosmarino e gli acini di uva fragola, terminate con una spolverata di pepe nero macinato fresco e guarnite con del rosmarino. 

 

DOLCI

Brigadeiro al cioccolato

Li conoscete i brigadeiro al cioccolato? Trattasi di tartufini semplicissimi e golosi, tipici brasiliani, preparati con latte condensato e cioccolato. Ideali da preparare se si ha poco tempo e se non si presta particolare attenzione all’ indice calorico! Piaceranno a tutti, grandi e piccini…scegliete di volervi bene senza sensi di colpa, conviene sempre!

Volersi bene, ascoltarsi, è fondamentale. Eppure tanto è scontato tanto tendiamo a dimenticarcelo, io per prima. Tante volte mi sono trovata a soffocare la vocina interna per compiacere o non ferire gli altri, oppure per intraprendere scelte apparentemente più opportune. In questi giorni ho voluto e dovuto fare una scelta importante per il mio percorso…e sono stata molto combattuta fra ragione e sentimento, opportunità e cuore. Devo dire che in famiglia mi hanno lasciato libera di riflettere, non mi hanno ostacolato né fornito consigli non richiesti, anzi, mi hanno lasciato sola con le mie rotelle in movimento senza disturbare, senza interagire con me, immersa nei miei pensieri. Beh, non so dire se ho sempre seguito il cuore ma di sicuro ho sempre portato il cuore e la passione all’interno di ogni mio percorso di vita, sarà così anche questa volta! Mi devo un grande in bocca al lupo e devo una linguaccia a tutti coloro (non molti per mia fortuna, ma sempre troppi!) che tentano di  avvolgermi  con la loro energia negativa; putroppo sono presenti nella vita di tutti vero? Quei soggetti fatti di sorrisi buoni di circostanza  ma che sorridono realmente solo delle sconfitte altrui, che vita amara la loro! Forse un dolcetto come uno di questi potrebbe aiutare, che ne dite?

Brigadeiro al cioccolato

Ingredienti

(per circa 3o tartufini)

  • 375 gr di latte condensato
  • 100 gr di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
  • 10 g di burro

Per decorare

  • graniglia di zucchero colorata, granella di nocciole, cocco rapé

Procedimento

  1. In una padella antiaderente e leggermente imburrata aggiungere il latte condensato, la noce di burro, ed il cioccolato fondente tagliato a pezzi ed il cacao.
  2. Fate fondere dolcemente tutti gli ingredienti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno per amalgamare bene il tutto.
  3. Continuare la cottura a fuoco dolce fino a quando la crema non si addenserà completamente. Il composto sarà pronto quando si staccherà dal fondo  e dai bordi della padella. 
  4. Fate raffreddare, e poi mettete a riposare il composto in frigorifero per almeno due, tre ore.
  5. Trascorso il tempo necessario, prendete il composto dal frigorifero, formate con le mani leggermente imburrate delle palline.
  6. Fate rotololare ciascuna pallina nelle decorazioni che avete scelto.
  7. Conservate i vostri brigadeiro in frigorifero, avendo l’accortezza di toglierli dal frigo almeno 15 minuti prima di gustarli